Carestia in Africa

Nel Sud Sudan, in Somalia e in Nigeria milioni di persone stanno soffrendo per la peggiore siccità degli ultimi 60 anni, ulteriormente aggravata da conflitti armati. Con le vostre donazioni possiamo aiutare queste popolazioni allo stremo.

Donare ora

La fame minaccia 13 milioni di persone

In Somalia, Sud Sudan e Nigeria, la carestia e la siccità stanno mettendo in ginocchio oltre 13 milioni di persone. E i conflitti inaspriscono ulteriormente la situazione di queste popolazioni. A metà marzo 2017 l’ONU ha perciò lanciato l’allarme e il Sud Sudan ha ufficialmente dichiarato lo stato di carestia in due contee.

La peggiore siccità degli ultimi 60 anni sta decimando il bestiame dei nomadi. Ma gli animali garantiscono loro l’esistenza fornendo carne, latte e denaro. La popolazione, primi fra tutti i bambini, è sempre più debole ed esposta alle malattie.

Per ottenere aiuto, le persone devono affrontare lunghi viaggi che li indeboliscono ulteriormente. Molti bambini possono essere salvati soltanto mediante l’alimentazione artificiale attraverso un sondino.

Nel Sud Sudan, in Somalia e in Nigeria milioni di persone soffrono per la peggiore siccità degli ultimi 60 anni.

La vostra donazione fa la differenza. Grazie al vostro sostegno, possiamo finanziare l’aiuto d’urgenza per le vittime della siccità, procurando loro acqua, cibo e assistenza medica.

News

Così vengono impiegate le vostre donazioni

Le nostre organizzazioni umanitarie partner realizzano progetti che corrispondono perfettamente alle esigenze dei beneficiari:

  • distribuiscono acqua e garantiscono l’accesso all’acqua potabile
  • si prendono cura dei bambini che soffrono di malnutrizione
  • garantiscono l’accesso ai viveri, se possibile attraverso l’aiuto in contanti o la distribuzione di buoni
  • curano i malati e i feriti
  • distribuiscono sementi
Donare ora

Le nostre organizzazioni umanitarie partner si prendono cura dei bambini denutriti.

«I nomadi che hanno perso il bestiame, le madri che devono dissetare i figli con acqua sporca perché manca l’acqua potabile e tutte quelle persone innocenti costrette a fuggire dai conflitti e dalla siccità non hanno colpa della loro sofferenza. E non possono aspettare soluzioni politiche».
Tony Burgener, direttore della Catena della Solidarietà

Social Media

Le nostre organizzazioni umanitarie partner garantiscono l’accesso all’acqua e al cibo

Accesso all’acqua e al cibo

I progetti delle nostre organizzazioni umanitarie partner sono volti innanzi tutto a garantire la sopravvivenza delle popolazioni colpite da questa catastrofe attraverso la distribuzione di acqua e l’accesso al cibo.

Laddove si svolgono ancora i mercati, le organizzazioni umanitarie distribuiscono contanti o buoni per permettere alle persone di acquistare beni di prima necessità.

La mancanza di cibo indebolisce vieppiù le persone, esponendole al rischio di malattie. Perciò le nostre organizzazioni partner garantiscono anche assistenza medica.

Le nostre organizzazioni umanitarie partner si prendono cura dei bambini malnutriti.

Cura dei bambini malnutriti

La priorità viene data all’assistenza ai bambini che soffrono di malnutrizione o addirittura denutriti.

I bambini con uno squilibrio nutrizionale di media gravità ricevono una pasta di arachidi arricchita con pregiate sostanze nutritive.

I bambini gravemente denutriti vengono ricoverati e alimentati negli ospedali attraverso un sondino.

A lungo termine vengono distribuite anche sementi per i futuri raccolti.