Gli organi della nostra Fondazione

Qualità e trasparenza: due valori scritti a lettere cubitali sulla nostra bandiera. E sul rispetto dei quali vegliano gli organi della nostra Fondazione.

Qualità e trasparenza

Quali nostri donatori, confidate sull’impiego oculato e responsabile dei fondi che ci affidate.

Per onorare questa fiducia, disponiamo di vari organi statutari. Ognuno nel proprio campo, insieme garantiscono il miglior impiego delle vostre donazioni a favore delle persone in difficoltà.


Statuti (FR)

Il Consiglio di fondazione e il suo Comitato

Il Consiglio di fondazione è il nostro organo supremo. Vigila sul nostro lavoro attento e responsabile e definisce l’orientamento strategico.

Il Consiglio di fondazione si accerta altresì del nostro sviluppo costante, affinché le vostre donazioni possano essere impiegate anche in futuro con la massima efficacia.

Il Consiglio di fondazione si compone al massimo di 14 membri, per metà rappresentanti della SRG SSR, che ci ha creati, e per metà rappresentanti delle nostre organizzazioni umanitarie partner e/o dell’aiuto umanitario.

Il Comitato del Consiglio di fondazione, formato da cinque rappresentanti, supervisiona e controlla la gestione della nostra Direzione e la sostiene nella sua attività. Il nostro direttore, la nostra direttrice aggiunta e il presidente della Commissione dei progetti siedono con voto consultivo in seno al Consiglio di fondazione e al Comitato.

 

 

Il Comitato del Consiglio di fondazione, uno degli organi della Fondazione della Catena della Solidarietà.

  • Ladina Heimgartner, presidente, SRG SSR / RTR
  • François Besençon, vicepresidente, SRG SSR
  • Andrea Hemmi, SRF
  • Stefania Verzasconi, RSI
  • Manon Romerio, RTS
  • Jürg Schäffler, SRG SSR
  • Hugo Fasel, Caritas Svizzera
  • Markus Mader, Croce Rossa Svizzera
  • Vito Angelillo, Terre des hommes – aiuto all’infanzia
  • Petra Schroeter, Handicap International
  • Jim Ingram, Medair
  • Gilles Carbonnier, rappresentante indipendente
  • Andreas Huber, osservatore / DSC
  • Ladina Heimgartner, presidente, SRG SSR / RTR
  • François Besençon, vicepresidente, SRG SSR
  • Jürg Schäffler, SRG SSR
  • Vito Angelillo, Terre des hommes – aiuto all’infanzia
  • Jim Ingram, Medair

Seduta della Commissione dei progetti per l’aiuto internazionale, uno degli organi della Fondazione della Catena della Solidarietà.

Commissione dei progetti Aiuto internazionale

La Commissione dei progetti per l’aiuto internazionale controlla che i fondi donati vengano utilizzati per finanziare i progetti più utili alle persone che si trovano attualmente in difficoltà.

La Commissione si compone di esperti indipendenti del settore dell’aiuto umanitario, di rappresentanti delle nostre organizzazioni umanitarie partner e della nostra Direzione. Questi specialisti coprono tutti gli ambiti specifici rilevanti (salute, costruzione, acqua e igiene, protezione dell’infanzia ed economia) per consentire un’analisi accurata di tutti gli aspetti dei progetti inoltrati.

La Commissione dei progetti, presieduta da una persona con uno statuto indipendente, si riunisce più volte nel corso dell’anno. I progetti vengono dapprima esaminati con attenzione, quindi discussi in modo approfondito nell’ambito di una riunione della Commissione. La decisione di finanziamento spetta alla Commissione decisionale, facente parte della Commissione dei progetti.

 

 

  • Koenraad van Brabant, presidente
  • Tony Burgener, direttore Catena della Solidarietà
  • Ernst Lüber, responsabile Progetti Catena della Solidarietà
  • Roland Schlachter, osservatore / DSC
  • Paul Rüegg, Caritas Svizzera
  • Beatrice Weber, Croce Rossa Svizzera
  • Nathalie Praz, ACES
  • Doka Zoltan, Solidar Svizzera
  • Steve Ringel, Terre des hommes – aiuto all’infanzia
  • Caroline Schlaufer, esperta economia
  • Gabriela Friedl & Katja Schobert, esperte acqua
  • Marina Marinov, esperta costruzioni
  • Koenraad van Brabant, presidente
  • Tony Burgener, direttore Catena della Solidarietà
  • Caroline Schlaufer (voto consultivo)
  • Ernst Lüber (voto consultivo)

Commissione dei progetti Aiuto Svizzera

La Commissione dei progetti per l’aiuto in Svizzera interviene in caso di intemperie o catastrofi sul territorio elvetico.

Essa vigila affinché le vostre donazioni vengano impiegate per aiutare privati, organizzazioni, piccole imprese e comuni dai mezzi finanziari limitati che hanno subito danni e che hanno urgente bisogno di aiuto.

La Croce Rossa Svizzera (per la Svizzera romanda, compresa la regione di Berna e il Vallese) e Caritas Svizzera (per la Svizzera centrale e orientale nonché il Ticino)

 

 

esaminano le richieste di finanziamento e formulano una raccomandazione alla nostra attenzione. La decisione definitiva spetta quindi alla Commissione dei progetti per l’aiuto in Svizzera.

La Commissione è formata da tre esperti per le questioni assicurative e giuridiche, gli enti pubblici e la gestione delle catastrofi, da un rappresentante di ognuna delle organizzazioni partner incaricate – Croce Rossa Svizzera e Caritas Svizzera – da rappresentanti della Catena della Solidarietà nonché dal presidente della Commissione.

La Commissione è presieduta dalla stessa persona indipendente che già presiede la Commissione dei progetti per l’aiuto internazionale.

  • Koenraad van Brabant, presidente
  • Christian Gut, Caritas Svizzera
  • Josef Reinhardt, Croce Rossa Svizzera
  • Hanspeter Bieri, esperto questioni assicurative e giuridiche
  • Alexander Glatthard, esperto enti pubblici / finanze
  • Eric Bardou, esperto questioni ambientali e gestione delle catastrofi

Commissione di Gestione Finanziaria

Non devolviamo sempre subito tutte le donazioni raccolte. In caso di grandi catastrofi e collette importanti ha un senso, soprattutto nella ricostruzione, sostenere progetti che si estendono su diversi anni. Nel frattempo, investiamo il denaro rimasto in modo molto conservativo.

La Commissione di Gestione Finanziaria vigila sulla strategia finanziaria e su tutti gli investimenti. Essa controlla anche che le nostre direttive in materia di operazioni finanziarie vengano rispettate. Ciò significa, ad esempio, che non investiamo denaro in prodotti finanziari contenenti titoli di aziende che producono armi, alcool, nicotina ecc.

In futuro la nostra strategia non sarà fatta soltanto di eccezioni, bensì sarà orientata secondo principi chiari, durevoli e socialmente responsabili.

Il presidente della Commissione di Gestione Finanziaria e i tre esperti vengono nominati dal Consiglio di Fondazione. Il nostro direttore e la responsabile Finanze partecipano di diritto alle riunioni della Commissione.

 

 

  • Jürg Schäffler, presidente
  • Riccardo Pallich
  • Federico Perlingieri
  • Paul-André Sanglard
  • Tony Burgener, direttore Catena della Solidarietà
  • Catherine Baud-Lavigne, direttrice aggiunta Catena della Solidarietà e responsabile Finanze e Amministrazione
«Per me la Catena della Solidarietà è un pezzo di patria, garante della professionalità e del senso di responsabilità. Qui si lavora con grande competenza, cuore e rispetto per le persone in difficoltà e i donatori.»
Ladina Heimgartner, presidente della Catena della Solidarietà