La Catena della Solidarietà e l'aiuto umanitario durevole ad Haiti

A cinque anni dal devastante terremoto che aveva annientato buona parte del paese, i rappresentanti delle ONG partner della Catena della Solidarietà stanno portando a termine i loro progetti ad Haiti. Nel 2014 la Fondazione ha deciso di finanziare sette progetti supplementari che permetteranno di consolidare i risultati ottenuti durante la fase di ricostruzione e riabilitazione. Dall’inizio degli interventi umanitari, la Catena della Solidarietà ha sostenuto 84 progetti per un totale di 61,8 milioni di franchi. Sono state riparate o costruite 2700 case, costruite 3300 latrine e posati 2500 serbatoi.

 

Ad Haiti la Catena della Solidarietà ha applicato alla lettera la strategia di collegare l’urgenza alla ricostruzione e allo sviluppo (“LRRD”). I progetti di consolidamento approvati nel 2014 riguardano ad esempio la prevenzione e la diminuzione dei rischi in caso di catastrofe, come nello specifico i progetti di rimboschimento. Tali progetti hanno inoltre il pregio di rafforzare le strutture locali e rendere più autonoma la gestione delle attività iniziate nella fase precedente.

 

Con questa strategia la Catena della Solidarietà colma un’importante lacuna tra l’urgenza e lo sviluppo. Sono pochi i finanziatori che permettono alle ONG partner specializzate negli aiuti umanitari di realizzare progetti con questa logica di durata.