28.10.2021

COVID INTERNAZIONALE: UN ANNO DOPO, OLTRE UN MILIONE DI BENEFICIARI

La pandemia di coronavirus ha messo in allerta il mondo intero e mietuto quasi cinque milioni di vittime da inizio dicembre 2019. Nei luoghi con già condizioni di vita difficili, come i campi profughi, le baraccopoli o i paesi indeboliti da guerre e catastrofi naturali, l’arrivo del Covid-19 ha peggiorato la situazione. Tuttavia, lavorando insieme e grazie alla vostra generosità abbiamo raccolto oltre 14,5 milioni di franchi e aiutato circa 1,3 milioni di persone.

Donazioni raccolte: CHF 14’500’000.-

La pandemia di coronavirus ha messo in allerta il mondo intero e mietuto quasi cinque milioni di vittime da inizio dicembre 2019. Nei luoghi con già condizioni di vita difficili, come i campi profughi, le baraccopoli o i paesi indeboliti da guerre e catastrofi naturali, l’arrivo del Covid-19 ha peggiorato la situazione. Tuttavia, lavorando insieme e grazie alla vostra generosità abbiamo raccolto oltre 14,5 milioni di franchi e aiutato circa 1,3 milioni di persone.

Le ripercussioni del coronavirus: non solo un problema di salute

Oltre a causare danni considerevoli, la pandemia ha comportato un incremento della povertà. Nei paesi in cui gran parte della popolazione dipende dall’economia informale, il confinamento e la sospensione delle attività sociali hanno messo a rischio i mezzi di sussistenza di moltissime persone.

Per le popolazioni più povere, l’accesso alle cure mediche, all’istruzione e al cibo era già limitato prima della crisi: il coronavirus ha peggiorato le loro condizioni e impedito a molte famiglie di accedere ai beni di prima necessità.

Per attenuare le ripercussioni della pandemia, la Catena della Solidarietà si è concentrata sul rafforzamento della prevenzione, sull’assistenza medica e sulla distribuzione di fondi alle famiglie che avevano perso il loro reddito.

Un anno di progetti in cifre

Il 22 ottobre ricorre l’anniversario della raccolta fondi Covid Internazionale. In questo anno, abbiamo raccolto oltre 14,5 milioni di franchi e finanziato 34 progetti in diciassette paesi per un totale di 11,8 milioni di franchi. Sedici di questi progetti si trovano nell’Asia meridionale, otto in America Latina, sette in Medio Oriente e tre in Africa. Diciassette forniscono sostegno finanziario a persone e famiglie che hanno subìto perdite di reddito a causa del confinamento, undici sono volti a fornire cure mediche e a prevenire la diffusione del virus, i restanti sei si svolgono nei settori dell’istruzione e della protezione di donne e bambini dalla violenza.

Una clinica mobile in Messico

Il progetto di Médecins du Monde a Chiapas, in Messico, finanzia una clinica mobile che somministra agli abitanti di villaggi e quartieri test e cure mediche, e indirizza i casi gravi agli ospedali. Il personale infermieristico fornisce anche servizi e supporto per problemi di salute mentale e violenza di genere. Per seguire i pazienti, è inoltre a disposizione una hotline.

1000 famiglie sostenute in Pakistan

Il progetto di Helvetas nella Valle dello Swat, una regione turistica del Pakistan, sostiene mille famiglie che hanno perso la loro fonte di reddito a causa del confinamento, fornisce mascherine e disinfettante a 300 pensioni a conduzione familiare, e allestisce nella regione dispensari con materiale e consigli su come evitare la trasmissione del virus.

Grazie per il sostegno, la vostra donazione fa la differenza!