Terremoto ad Haiti 2010

La popolazione svizzera ha donato 66 milioni di franchi. Vi illustriamo in che modo sono state investite le vostre donazioni.

Stato : In corso
Aiuto d'urgenza
Ricostruzione
Fase conclusiva
12.01.2010
Donazioni raccolte: CHF 66'241'180

Grandi danni e sofferenze

Il terremoto del 12 gennaio 2010 ad Haiti devastò il paese, uccidendo oltre 300’000 persone.

Questa immensa catastrofe naturale colpì un terzo della popolazione haitiana, ossia 3,2 milioni di persone.

Secondo il governo, il sisma distrusse più di 250’000 alloggi e danneggiò 30’000 commerci, mettendo in ginocchio l’economia.

Una catastrofe devastante allora e tuttora per questo paese povero e fragile.

Una donna haitiana seduta sulle macerie urla il suo dolore

La vostra donazione fa la differenza. Poiché grazie alla vostra generosità, con le organizzazioni partner abbiamo potuto portare rapidamente l’aiuto d’urgenza necessario e partecipare attivamente alla ricostruzione di case antisismiche e anti-tifone.

Una fontana ricostruita dopo il terremoto ad Haiti.

Così vengono impiegate le vostre donazioni

Le nostre organizzazioni partner realizzano progetti che rispondono perfettamente alle esigenze dei beneficiari:

Aiuto immediato e ricostruzione

  • Distribuiscono viveri
  • Curano i malati e i feriti e lottano contro la propagazione di epidemie, ad es. il colera
  • Mettono a disposizione alloggi provvisori
  • Riparano e costruiscono case e scuole antisismiche e anti-tifone
  • Ripristinano i sistemi di approvvigionamento e smaltimento delle acque

Altri progetti

Le nostre organizzazioni partner:

  • assistono le persone con handicap
  • vigilano sull’osservanza delle norme igieniche per prevenire le epidemie
  • proteggono i bambini dall’abuso e dallo sfruttamento
  • offrono assistenza psicosociale alle persone traumatizzate
  • sostengono le famiglie che accolgono gli sfollati
  • piantano alberi per ridurre il rischio di erosione e frane con le future catastrofi naturali
  • offrono istruzione ai giovani e li aiutano a reinserirsi nel mondo del lavoro

Una ragazza che ha seguito la formazione di piastrellista proposta dalla nostra organizzazione partner Terre des Hommes Suisse.

«Ad Haiti abbiamo collegato con coerenza l’aiuto d’urgenza alla ricostruzione e allo sviluppo per rafforzare ulteriormente l’impatto delle donazioni.»
David Dandrès, addetto ai progetti per Haiti

Aiuto d’urgenza

Essendo Haiti uno dei paesi più poveri al mondo, molti dei nostri partner erano operativi sull’isola caraibica già prima della catastrofe.

Queste organizzazioni umanitarie hanno iniziato a prestare aiuti d’urgenza già nelle prime ore dopo il terremoto distribuendo viveri e acqua, mettendo a disposizione alloggi provvisori e offrendo assistenza medica.

Un medico visita un bambino dopo il terremoto di Haiti.

Artigiani impegnati nella ricostruzione di una casa dopo il terremoto di Haiti.

Ricostruzione

Dopo gli aiuti d’urgenza, con le nostre organizzazioni partner abbiamo dato avvio alla fase di ricostruzione. Sono state riparate o ricostruite 2700 case antisismiche e anti-tifone e installate 3300 latrine e 2500 cisterne.

Complessivamente finora abbiamo finanziato 90 progetti di 22 organizzazioni umanitarie. L’aiuto ad Haiti è quindi concluso. Sono ancora in corso alcuni progetti volti a favorire il consolidamento e la durabilità dei progetti realizzati.


Rapporto di valutazione del 2014 (DE)

News

Le nostre organizzazioni partner in loco

  • heks eper
  • heks eper
  • heks eper
  • heks eper
  • heks eper
  • heks eper
  • heks eper
  • heks eper
  • heks eper
  • heks eper
  • heks eper
  • heks eper
  • heks eper
  • heks eper