Tifone Haiyan

Filippine: Ripresa rapida dopo il tifone Haiyan

  • 06.11.2014
  • Tifone Haiyan

Un anno dopo il passaggio devastante del tifone Haiyan sulle Filippine, gli abitanti delle regioni colpite si sono rapidamente rialzati. I progetti messi in opera dalle organizzazioni umanitarie partner della Catena della Solidarietà hanno contribuito notevolmente a questo miglioramento della situazione. Tuttavia nella città di Tacloban, in certi villaggi discosti e sulle piccole isole difficilmente accessibili, le conseguenze del tifone mettono tuttora a dura prova la popolazione.

Grazie ai progetti di Croce Rossa Svizzera, EPER, Medair, Solidar e Terre des hommes – Aiuto all’infanzia, sono state ricostruite o riparate 6 500 case, in particolare sulle isole di Samar, Leyte e Panay. Quattro scuole saranno presto ricostruite da Caritas sull’isola di Batayan, a nord di Cebu. Questi sforzi si sommano alle attività organizzate durante la fase d’urgenza, che hanno permesso di sostenere oltre 42 000 economie domestiche con cibo e acqua potabile, ma anche con un kit di costruzione da utilizzare per l’edificazione di alloggi provvisori.

Metà delle donazioni investite

Oltre la metà dei 42,3 milioni di franchi raccolti dalla Catena della Solidarietà grazie alla generosità della popolazione svizzera sono già stati stanziati per il finanziamento di progetti d’aiuto. «È raro che le donazioni vengano investite con tanta celerità. Una realtà riconducibile in particolare alla capacità di reagire e alla grande volontà della popolazione colpita, come pure alle competenze locali che hanno permesso alle ONG partner di progredire rapidamente realizzando opere di buona qualità», sottolinea Tony Burgener, direttore della Catena della Solidarietà, al suo rientro da una visita ai progetti nell’arcipelago.

Progetti a impatto durevole

Parallelamente agli sforzi di ricostruzione continui, le ONG partner della Catena della Solidarietà hanno iniziato a mettere in atto progetti di rilancio economico al fine di garantire un reddito decente e sostenibile alle popolazioni più vulnerabili delle Filippine. «Questi progetti rientrano nelle linee guida stabilite dalla Catena della Solidarietà, che auspica anche un effetto a lungo termine per i progetti umanitari», spiega Tony Burgener. Alcuni progetti cofinanziati dalla Fondazione si estenderanno su parecchi anni.

Difficoltà dell’aiuto umanitario in zona urbana

Malgrado i risultati molto positivi, rimangono parecchie zone d’ombra. Nella città di Tacloban, centinaia di persone vivono ancora sotto le tende o in alloggi precari; alcuni villaggi e piccole isole difficilmente accessibili non ancora beneficiato di aiuti sostanziali. Il caso di Tacloban conferma inoltre le esperienze vissute in occasione di altre catastrofi: l’aiuto umanitario in zona urbana è nettamente più difficile da gestire rispetto a quello nelle regioni rurali. Un fenomeno che può avere varie spiegazioni: esigenze gigantesche che superano qualsiasi budget, necessità di delocalizzare un elevato numero di persone spesso contro la loro volontà, ricerca di nuovi terreni e fragilità sociali molto acute combinate con lacune sul piano della sicurezza. La situazione in città supera largamente le capacità delle ONG svizzere, ma esse continueranno sicuramente ad aiutare le vittime nei villaggi e sulle isole.

    La Catena della Solidarietà è una fondazione, creata su iniziativa della SRG SSR | Partenariato e collaborazione

    • Keystone
    • Swisscom
    • SRG SSR alt

    Keystone

    Keystone

     

    Spesso una fotografia vale più di mille parole. Grazie al partenariato con l’agenzia fotografica svizzera Keystone, la Catena della Solidarietà dispone in qualsiasi momento gratuitamente di un’offerta completa di fotografie di attualità.

    Keystone getta uno sguardo elvetico sul nostro paese e sul mondo. Il suo team di 20 fotografi impiegati a titolo permanente in tutta la Svizzera e le agenzie partner internazionali garantiscono la copertura di qualsiasi evento di attualità. Quale maggiore agenzia fotografica della Svizzera, Keystone dispone inoltre di una ricchissima raccolta di immagini che raccontano la storia sociale della Svizzera (circa 11 milioni di fotografie d’archivio).

     

    Swisscom

    Swisscom

    Una giornata nazionale di raccolta della Catena della Solidarietà non sarebbe possibile senza il supporto di Swisscom: tra le 120 e le 150 linee telefoniche (suddivise regionalmente in sei centrali) sono messe a disposizione dall’azienda, che per queste giornate offre i propri servizi gratuitamente. In occasione della colletta per lo Tsunami, per esempio, sono state gestite oltre 70 000 chiamate.

    Anche internet è un mezzo di comunicazione essenziale della Catena della Solidarietà, mezzo che la Swisscom SA, ex Azienda delle PTT, da oltre sedici anni un partner fedele della Catena, sostiene annualmente con un considerevole importo.

    SRG SSR

    SRG SSR alt

    La Catena della Solidarietà fu fondata nel 1946 quale trasmissione radiofonica della Svizzera romanda e la sua prima colletta fu devoluta agli orfani della Seconda guerra mondiale.

    L’idea venne sviluppata ulteriormente finché, nel 1983, la Catena della Solidarietà divenne la fondazione. Oggi la Catena della Solidarietà è una fondazione che organizza raccolte di fondi per finanziare progetti di aiuto mirati. A questo scopo, essa collabora con la SRG SSR e con alcune organizzazioni umanitarie svizzere.

    Nelle giornate nazionali di colletta, all’insegna dell’idée suisse, la SRG SSR mette gratuitamente a disposizione della Catena le proprie risorse (programmi, giornalisti), partecipando così alla grande manifestazione di solidarietà e aiuto dell’intera popolazione svizzera. La Catena della Solidarietà non è un’associazione umanitaria vera e propria, ma un’opera di solidarietà che collabora con 25 organizzazioni umanitarie. L’unione con la SRG SSR è sottolineata anche dal fatto che le unità aziendali SRF, RTS, RTR e RSI hanno tutte un seggio nel Consiglio di fondazione.