Terremoto Haiti

Haiti – Dopo due anni l’aiuto umanitario da i suoi frutti

  • 12.01.2012
  • Terremoto Haiti

A due anni dal terribile terremoto che ha scosso Haiti, la Catena della Solidarietà tira un primo bilancio. Fino a oggi, sono stati accettati e cofinanziati 50 progetti presentati da 16 organizzazioni umanitarie partner, per un totale di quasi 36 milioni. Numerosi altri progetti sono all’esame. Più di mezzo di milione di persone hanno beneficiato di questi aiuti.

Due anni fa, il terremoto di Haiti lasciava quasi un milione di senzatetto e oltre 300'000 feriti. L’azione della Catena della Solidarietà e delle organizzazioni umanitarie sue partner ha lo scopo di favorire il ritorno alla normalità, all’autonomia e a una vita degna e sicura. Per questo motivo la Catena e i suoi partner agiscono sull’arco dei prossimi cinque – dieci anni per un intervento di ricostruzione a lungo termine. Nel suo ruolo di organo di finanziamento, la Catena della Solidarietà visita i progetti sul posto e affida regolarmente la valutazione delle realizzazioni a degli esperti.

Attualmente, la Catena della Solidarietà e le sue organizzazioni partner sta finanziando 22 progetti, mentre 28 sono stati già completati. Il numero delle vittime che hanno beneficiato di un aiuto d’urgenza è di 447'052 persone, delle quali 268'506 soffrivano di colera. Inoltre, 118'950 persone hanno tratto un beneficio dai primi lavori di riabilitazione e di ricostruzione. Dopo le misure di aiuto urgente e la lotta contro il colera, che ha assorbito il 18,3% del totale dei finanziamenti finora erogati, 29'000 sinistrati hanno ritrovato un tetto, hanno riparato o stanno ricostruendo le loro case, occuperanno presto un nuovo alloggio, e tutto ciò appena due anni dopo il terremoto. Oltre 200'000 persone hanno beneficiato di cure mediche o psicologiche, hanno potuto curarsi o hanno ricevuto una protesi per tornare a camminare. Inoltre sono pure previsti interventi di promozione dell’autonomia economica e di incoraggiamento all’agricoltura e alla pesca.

In soccorso alla capitale

Le infrastrutture di Port-au-Prince sono state fortemente danneggiate e sono rimaste inutilizzabili per lungo tempo. Solo recentemente, nell’autunno 2011, il nuovo governo ha preso in mano la situazione e ha cominciato a cercare soluzioni ai molti problemi che si pongono. Gran parte dei detriti è stata rimossa, ma la maggior parte delle tendopoli rimane ancora in attività, mentre la ricostruzione continua a incontrare serie difficoltà a causa della vaghezza che regna in merito ai diritti fondiari. Dopo gli aiuti urgenti, La Catena della Solidarietà e le organizzazioni sue partner si occupano principalmente dei problemi di formazione e di salute che la capitale deve affrontare e si assumono compiti di carattere sociale: costruzione di scuole provvisorie, distribuzione di cibo, aiuti ai bambini di strada e sostegno psichico.

Fotos »
articolo di giornale NZZ (5. 1. 2012) »

    La Catena della Solidarietà è una fondazione, creata su iniziativa della SRG SSR | Partenariato e collaborazione

    • Keystone
    • Swisscom
    • SRG SSR alt

    Keystone

    Keystone

     

    Spesso una fotografia vale più di mille parole. Grazie al partenariato con l’agenzia fotografica svizzera Keystone, la Catena della Solidarietà dispone in qualsiasi momento gratuitamente di un’offerta completa di fotografie di attualità.

    Keystone getta uno sguardo elvetico sul nostro paese e sul mondo. Il suo team di 20 fotografi impiegati a titolo permanente in tutta la Svizzera e le agenzie partner internazionali garantiscono la copertura di qualsiasi evento di attualità. Quale maggiore agenzia fotografica della Svizzera, Keystone dispone inoltre di una ricchissima raccolta di immagini che raccontano la storia sociale della Svizzera (circa 11 milioni di fotografie d’archivio).

     

    Swisscom

    Swisscom

    Una giornata nazionale di raccolta della Catena della Solidarietà non sarebbe possibile senza il supporto di Swisscom: tra le 120 e le 150 linee telefoniche (suddivise regionalmente in sei centrali) sono messe a disposizione dall’azienda, che per queste giornate offre i propri servizi gratuitamente. In occasione della colletta per lo Tsunami, per esempio, sono state gestite oltre 70 000 chiamate.

    Anche internet è un mezzo di comunicazione essenziale della Catena della Solidarietà, mezzo che la Swisscom SA, ex Azienda delle PTT, da oltre sedici anni un partner fedele della Catena, sostiene annualmente con un considerevole importo.

    SRG SSR

    SRG SSR alt

    La Catena della Solidarietà fu fondata nel 1946 quale trasmissione radiofonica della Svizzera romanda e la sua prima colletta fu devoluta agli orfani della Seconda guerra mondiale.

    L’idea venne sviluppata ulteriormente finché, nel 1983, la Catena della Solidarietà divenne la fondazione. Oggi la Catena della Solidarietà è una fondazione che organizza raccolte di fondi per finanziare progetti di aiuto mirati. A questo scopo, essa collabora con la SRG SSR e con alcune organizzazioni umanitarie svizzere.

    Nelle giornate nazionali di colletta, all’insegna dell’idée suisse, la SRG SSR mette gratuitamente a disposizione della Catena le proprie risorse (programmi, giornalisti), partecipando così alla grande manifestazione di solidarietà e aiuto dell’intera popolazione svizzera. La Catena della Solidarietà non è un’associazione umanitaria vera e propria, ma un’opera di solidarietà che collabora con 25 organizzazioni umanitarie. L’unione con la SRG SSR è sottolineata anche dal fatto che le unità aziendali SRF, RTS, RTR e RSI hanno tutte un seggio nel Consiglio di fondazione.