Terremoto Haiti

Ricostruzione a Haiti

  • 23.09.2010
  • Terremoto Haiti

© CRS

La ricostruzione a Haiti sta lentamente prendendo avvio. L’inizio dei lavori è particolarmente penoso a Port-au-Prince. Per questo, tre organizzazioni partner della Catena della Solidarietà si sono attivate in altre provincie. Nella capitale, la Fondazione finanzia soprattutto programmi psicosociali, educativi e di aiuto alle donne e ai bambini.

A Port-au-Prince tutto si muove al rallentatore dopo il terremoto del 12 gennaio. Secondo le cifre fornite dalla cooperazione americana USAID, solo il 5% dei detriti degli edifici distrutti è stato evacuato. Problemi di diritto fondiario associati a una limitata capacità dello Stato ad affrontarli rendono difficile la ricostruzione. «Per questo motivo la Catena della Solidarietà concentra al momento la sua attività  nella capitale nel settore psicosociale, nell’aiuto alle donne e ai bambini. Nella campagne, invece, la ricostruzione è cominciata», precisa Catherine Baud-Lavigne della Catena della Solidarietà. Dopo gli aiuti urgenti per sei milioni di franchi, distribuiti sotto forma di cibo, tende, ripari e attrezzi da cucina da gennaio a fine aprile, la Catena della Solidarietà sostiene ora progetti socioeducativi nella capitale.

Prime case fra le montagne

Nelle campagne  i problemi fondiari sono meno complessi. I progetti di ricostruzione possono essere avviati.«In generale, si sa a chi appartengono i terreni. Le autorità locali sono pronte a far partire i progetti», osserva Reto Gerber, l’architetto responsabile del progetto di ricostruzione di Caritas Svizzera a Haiti. L’organizzazione umanitaria ha costruito quattro case pilota nella regione di Gressier, a 30 km a ovest di Port-auPrince. Uno di questi edifici servirà da modello per edificare, entro il gennaio 2011, un primo lotto di cento case. Alla fine del progetto, 1'700 case ospiteranno 10'000 persone in questa regione montagnosa, che porta il nome di Petit Boucan.

Un ulteriore progetto di ricostruzione sostenuto dalla Catena della Solidarietà comincia a farsi vedere. La Croce Rossa Svizzera ha realizzato le prime 60 fondamenta  per altrettante case che saranno costruite nei pressi dell’epicentro del sisma, nel villaggio di Palmiste-à-Vin. Il progetto dovrebbe essere portato a termine entro un anno e darà alloggi definitivi a 600 famiglie, cioè a oltre 4000 persone. A Petit Goave, ADRA ha ricevuto un sostegno finanziario dalla Catena della Solidarietà per costruire 350 alloggi provvisori, che ospiteranno 2000 persone.

Investimenti a lungo termine

«E’ normale che i costi delle costruzioni siano più elevati quando si parte con un progetto, poiché si devono fare delle prove e istallare i cantieri. Poi, le spese di costruzione si ridurranno», precisa Alain Geiger, responsabile del Dipartimento Progetti della Catena della Solidarietà.

Nei prossimi mesi prenderanno avvio altri progetti sostenuti dalla Catena della Solidarietà. A Haiti la ricostruzione richiederà tempo. «Non abbiamo fretta perché vogliamo essere sicuri che i progetti selezionati durino nel tempo e non siano buttati là» conclude il responsabile dei progetti. Il denaro raccolto per Haiti, questo è certo, non sarà speso altrove.

La Catena della Solidarietà, che ha raccolto 65 milioni di franchi, per ora ha impegnato circa 13 milioni in 14 progetti d’urgenza e in tre di ricostruzione e riabilitazione. Questa ripartizione del denaro impegnato è assolutamente normale. «In generale, il 15% dei fondi raccolti sono destinati all’aiuto urgente, in seguito il 70% è destinato alla ricostruzione e alla riabilitazione e infine il restante 15% serve al consolidamento dei progetti di ricostruzione, come ad esempio la formazione o il microcredito», conclude Alain Geiger.

Jean-Yves Clémenzo, Giornalista indipendente, Ginevra

    La Catena della Solidarietà è una fondazione, creata su iniziativa della SRG SSR | Partenariato e collaborazione

    • Keystone
    • Swisscom
    • SRG SSR alt

    Keystone

    Keystone

     

    Spesso una fotografia vale più di mille parole. Grazie al partenariato con l’agenzia fotografica svizzera Keystone, la Catena della Solidarietà dispone in qualsiasi momento gratuitamente di un’offerta completa di fotografie di attualità.

    Keystone getta uno sguardo elvetico sul nostro paese e sul mondo. Il suo team di 20 fotografi impiegati a titolo permanente in tutta la Svizzera e le agenzie partner internazionali garantiscono la copertura di qualsiasi evento di attualità. Quale maggiore agenzia fotografica della Svizzera, Keystone dispone inoltre di una ricchissima raccolta di immagini che raccontano la storia sociale della Svizzera (circa 11 milioni di fotografie d’archivio).

     

    Swisscom

    Swisscom

    Una giornata nazionale di raccolta della Catena della Solidarietà non sarebbe possibile senza il supporto di Swisscom: tra le 120 e le 150 linee telefoniche (suddivise regionalmente in sei centrali) sono messe a disposizione dall’azienda, che per queste giornate offre i propri servizi gratuitamente. In occasione della colletta per lo Tsunami, per esempio, sono state gestite oltre 70 000 chiamate.

    Anche internet è un mezzo di comunicazione essenziale della Catena della Solidarietà, mezzo che la Swisscom SA, ex Azienda delle PTT, da oltre sedici anni un partner fedele della Catena, sostiene annualmente con un considerevole importo.

    SRG SSR

    SRG SSR alt

    La Catena della Solidarietà fu fondata nel 1946 quale trasmissione radiofonica della Svizzera romanda e la sua prima colletta fu devoluta agli orfani della Seconda guerra mondiale.

    L’idea venne sviluppata ulteriormente finché, nel 1983, la Catena della Solidarietà divenne la fondazione. Oggi la Catena della Solidarietà è una fondazione che organizza raccolte di fondi per finanziare progetti di aiuto mirati. A questo scopo, essa collabora con la SRG SSR e con alcune organizzazioni umanitarie svizzere.

    Nelle giornate nazionali di colletta, all’insegna dell’idée suisse, la SRG SSR mette gratuitamente a disposizione della Catena le proprie risorse (programmi, giornalisti), partecipando così alla grande manifestazione di solidarietà e aiuto dell’intera popolazione svizzera. La Catena della Solidarietà non è un’associazione umanitaria vera e propria, ma un’opera di solidarietà che collabora con 25 organizzazioni umanitarie. L’unione con la SRG SSR è sottolineata anche dal fatto che le unità aziendali SRF, RTS, RTR e RSI hanno tutte un seggio nel Consiglio di fondazione.