Maremoto in Asia

Un seminario nell’India meridionale con domande critiche

  • 27.04.2009
  • Maremoto in Asia

Uno scambio di opinioni diretto: alla conclusione dei progetti di ricostruzione dopo lo tsunami, nell’India meridionale, 35 rappresentanti di organizzazioni umanitarie svizzere si sono incontrati con le loro organizzazioni partner indiane, con esperti indipendenti e con collaboratori della Catena della Solidarietà per un seminario di alcuni giorni.

Qualche settimana prima, i progetti di ricostruzione dopo lo tsunami (3’200 case per 15'000 persone, per un totale di investimenti di 25 milioni di franchi) erano stati sottoposti a una valutazione. Scopo del seminario era l’analisi critica di questa valutazione e la presentazione di proposte per il miglioramento della collaborazione in caso di future catastrofi.

Un importante tema all’ordine del giorno era la scelta delle vittime da privilegiare: come si può essere sicuri che gli aiuti non pervengano solo a vittime appariscenti (come ad esempio le famiglie di pescatori) bensì anche a membri di gruppi marginali come i senza casta o le vedove? Gli esperti hanno testimoniato che queste persone, che sovente vivono ai margini dei villaggi, spesso sono state soccorse in misura minore oppure più tardi e che dunque in futuro vanno prese in considerazione in anticipo, già sul nascere dei progetti.

Sono stati analizzati criticamente anche i metodi di costruzione. La qualità delle costruzioni è parecchio differenziata, ma attraverso una più rigorosa supervisione può essere ulteriormente aumentata. Occorre fare in modo che vi sia armonia fra i desideri particolari della famiglie, le misure di sicurezza, le prescrizioni delle autorità e la necessità di realizzare nel minor tempo possibile i progetti. Una proposta in tal senso, ad esempio, consiste nell’adozione di norme minime di costruzione, che poi in un secondo tempo possano individualmente essere adattate ai desideri specifici dei futuri beneficiari.

Un argomento ricorrente di discussione è la distanza dal mare dei nuovi insediamenti. In questo ambito, si tratta di conciliare le norme di sicurezza richieste dalle autorità con i desideri della popolazione. Si è così posto il problema se non si debba essere più intransigenti nel rifiutare in qualche caso le norme governative.

In generale, i beneficiari degli aiuti devono sempre più diventare «attori del loro futuro». In questo ambito, devono essere adottate metodologie di lavoro che permettano di ulteriormente migliorare la collaborazione fra le differenti organizzazioni umanitarie locali e le autorità.

Le valutazioni di progetti così vasti come quelli che hanno fatto seguito allo tsunami sono molto complesse. Per questo, la catena della Solidarietà prevede di organizzare ulteriori seminari che riuniscano i partner nei luoghi della catastrofe oppure in Svizzera. Tali incontri rafforzano la «famiglia della Catena della Solidarietà» e permettono di meglio sfruttare le rispettive conoscenze e acquisirne di nuove per poi impiegarle più efficacemente nelle future realizzazioni.

  • 1Indien-welcome.jpg
  • 2Teilnehmende-HW.jpg
  • 3Hilfswerks-VertreterInnen.jpg
  • 4HW-VertreterInnen.jpg
  • 5Auswertungspapier.jpg
  • 6GK-Bollmamm_Geiger.jpg
  • 7Beguenstigte-Frauen.jpg
  • 8Indien-Feuerritual-.jpg
  • 9Individueller-Ausbau.jpg

    La Catena della Solidarietà è una fondazione, creata su iniziativa della SRG SSR | Partenariato e collaborazione

    • Keystone
    • Swisscom
    • SRG SSR alt

    Keystone

    Keystone

     

    Spesso una fotografia vale più di mille parole. Grazie al partenariato con l’agenzia fotografica svizzera Keystone, la Catena della Solidarietà dispone in qualsiasi momento gratuitamente di un’offerta completa di fotografie di attualità.

    Keystone getta uno sguardo elvetico sul nostro paese e sul mondo. Il suo team di 20 fotografi impiegati a titolo permanente in tutta la Svizzera e le agenzie partner internazionali garantiscono la copertura di qualsiasi evento di attualità. Quale maggiore agenzia fotografica della Svizzera, Keystone dispone inoltre di una ricchissima raccolta di immagini che raccontano la storia sociale della Svizzera (circa 11 milioni di fotografie d’archivio).

     

    Swisscom

    Swisscom

    Una giornata nazionale di raccolta della Catena della Solidarietà non sarebbe possibile senza il supporto di Swisscom: tra le 120 e le 150 linee telefoniche (suddivise regionalmente in sei centrali) sono messe a disposizione dall’azienda, che per queste giornate offre i propri servizi gratuitamente. In occasione della colletta per lo Tsunami, per esempio, sono state gestite oltre 70 000 chiamate.

    Anche internet è un mezzo di comunicazione essenziale della Catena della Solidarietà, mezzo che la Swisscom SA, ex Azienda delle PTT, da oltre sedici anni un partner fedele della Catena, sostiene annualmente con un considerevole importo.

    SRG SSR

    SRG SSR alt

    La Catena della Solidarietà fu fondata nel 1946 quale trasmissione radiofonica della Svizzera romanda e la sua prima colletta fu devoluta agli orfani della Seconda guerra mondiale.

    L’idea venne sviluppata ulteriormente finché, nel 1983, la Catena della Solidarietà divenne la fondazione. Oggi la Catena della Solidarietà è una fondazione che organizza raccolte di fondi per finanziare progetti di aiuto mirati. A questo scopo, essa collabora con la SRG SSR e con alcune organizzazioni umanitarie svizzere.

    Nelle giornate nazionali di colletta, all’insegna dell’idée suisse, la SRG SSR mette gratuitamente a disposizione della Catena le proprie risorse (programmi, giornalisti), partecipando così alla grande manifestazione di solidarietà e aiuto dell’intera popolazione svizzera. La Catena della Solidarietà non è un’associazione umanitaria vera e propria, ma un’opera di solidarietà che collabora con 25 organizzazioni umanitarie. L’unione con la SRG SSR è sottolineata anche dal fatto che le unità aziendali SRF, RTS, RTR e RSI hanno tutte un seggio nel Consiglio di fondazione.